La cucina vegetariana e vegana di Chiara Canzian


Sono vegetariana da tanti anni, penso che il percorso delle scelte alimentari sia molto personale e possa essere intrapreso per svariati motivi: etici, salutistici, di gusto. In quelli etici, credo rientrino sia l’attenzione verso gli animali sia quello verso il pianeta. Il mio percorso però è ancora lungo, non mi sento ancora pronta a diventare vegana ma ritengo ci arriverò più avanti.” così inizia l' intervista di oggi a Chiara Canzian, cantautrice, foodblogger fondatrice di “Radici” blog di cucina vegetariana e vegana.


Com’ è cambiato il tuo stile di vita nel corso del tempo?

È cambiato parecchio e cambierà ancora, anche perché ritengo che essere pronti al cambiamento sia segno di crescita ed evoluzione. Oltre all’ alimentazione sto cercando anche di avere un occhio di riguardo in più rispetto al limitare la plastica e al non sprecare nulla in cucina, neppure quelli che siamo soliti a considerare scarti di frutta o verdura.

Ti andrebbe di consigliarci qualche gesto quotidiano a favore dell’ambiente che possiamo mettere in atto ogni giorno?

La prima cosa da fare penso sia quella di dire addio alle bottiglie di plastica prediligendo quelle di vetro da ricaricare ai distributori sparsi ormai in tutta italia. Io faccio così da anni e l’ acqua è buonissima. Un’ altra piccola accortezza potrebbe essere quella di utilizzare shampoo e bagnoschiuma solidi quando ci si lava o detersivi con flaconi ricaricabili in modo da riutilizzare molte volte la stessa bottiglia.

Secondo la tua esperienza la Vegefobia esiste?

Non so si possa catalogare come vegefobia. Penso piuttosto che esista una paura del diverso, a prescindere da quale sia la peculiarità. Le minoranze che serbano una carica rivoluzionaria, una spinta evolutiva forte, possono essere spaventose per le menti piccole e chiuse, ma questo non deve interessare a chi riesce a vedere oltre.


Qual è il tuo piatto più amato dai tuoi followers ? E quale è quello che ti rappresenta maggiormente?

Credo che i miei followers abbiano letteralmente amato la Nocciolata Proteica: una crema di ceci al cioccolato che ha fatto impazzire più di qualcuno. Invece forse il piatto che mi rappresenta maggiormente è uno dei miei dolci con all ’interno le verdure: sembro “tradizionale” ma nascondo un ingrediente speciale.

Come vedi la situazione italiana dal punto di vista della ristorazione vegetariana e vegana oggi?

La vedo in crescita. Penso che si stia ampliando moltissimo, sono pochi i posti dove non sono previste proposte vegetariane o vegane e questo mi riempie di gioia. Si può sempre fare meglio chiaramente ma sono convinta che oramai siamo una realtà che va oltre la moda.

Qual è l’ insegnamento principale che vuoi trasmettere con la tua cucina?

Che si può mangiare sano, in modo etico ma con grande gusto.


In cucina qual è la cosa più importante per te?

Sicuramente la stagionalità, la qualità e la provenienza degli ingredienti.

Un piatto vegano veloce per fare bella figura a una cena..

Delle polpettine di quinoa zucchine e ceci con maionese di avocado.