La Cucina Felice di Valeria Raciti che ha conquistato Masterchef!



Vincitrice di Masterchef 8 e Autrice del Libro “Amore Curiosità Istinto - La mia cucina felice” ( Casa Editrice Baldini-Castoldi ) Valeria Raciti è la protagonista della chiacchierata di oggi. Una donna che sta in cucina perchè ama starci, perchè la cucina è un ambiente che la fa stare bene, e se qualcuno le chiedesse: "Chi è Valeria?" Lei risponderebbe così: “Quella di ieri, solo più felice”. 


Abbiamo fatto a Valeria qualche domanda per cercare di scoprire qual' è il suo segreto della felicità.

"Oggi non ho voglia di cucinare!" Valeria, ti capita qualche volta di pensarla in questo modo?

Certo che sì, anche se di rado ed in casa è sempre un campanello di allarme, perchè se non ho voglia di cucinare vuol dire che butta proprio male. In quei casi o mio marito si improvvisa chef, o si ordina in delivery, oppure si attinge dalle scorte riposte anzitempo (e diligentemente) in freezer, abitudine quest' ultima che mi è sempre tornata utile.

Masterchef 8 ti ha proclamata vincitrice, è stato più difficile il percorso che ti ha condotta alla finale o riuscire a vincere?

Sicuramente il percorso, che è stato emotivamente e fisicamente impegnativo. Una sfida continua con me stessa, con i limiti che ero convinta di avere, con le mie paure. Non che sia stato facile vincere, ma in realtà non mi sono mai posta fino in fondo quell' obiettivo. Volevo solo dare il meglio di me, è stata una grande sorpresa realizzare che avevo fatto anche meglio degli altri.

L' esperienza di Masterchef che cosa ha aggiunto alla tua vita?

Mi ha aiutato a volermi bene di più, ha potenziato il rispetto per me stessa e la fiducia nelle mie capacità, mi ha anche fatto capire che spesso, i limiti che ci poniamo e che crediamo invalicabili, sono in realtà zone di comfort che creiamo noi stessi per paura di ciò che potrebbe esserci intorno, e se riusciamo a trovare il coraggio di rischiare, se ci diamo la possibilità di oltrepassare le "barriere di protezione" il panorama può essere bellissimo e le paure possono rivelarsi vane.

Timida ed introversa, ora sei disinvolta e loquace, perfetta padrona di casa della tua pagina instagram, come sei riuscita a trasformare il tuo carattere? 

L' esperienza vissuta a Masterchef, la meraviglia della vittoria, la realizzazione di tanti sogni nel cassetto, la consapevolezza di aver affrontato i mostri da tempo nascosti sotto il mio letto mi ha resa una persona più felice, l' affetto che la gente mi ha dimostrato, ha rotto anche gli ultimi argini del mio guscio e questo ha fatto sì che potessi cambiare. Se potessi abbracciare ogni giorno tutti quelli che hanno reso possibile questo cambiamento lo farei, i social permettono di accorciare le distanze, ed è una cosa che amo molto.

Essere donna nel mondo blasonato degli chef è un difficile traguardo, a cosa bisogna rinunciare per affermarsi in questo settore?

Spero di essere una chef un giorno, al momento sono una master-chef e mi godo questo bel ruolo. I sacrifici non mi spaventano, non mi hanno mai spaventata e sono consapevole che questo mestiere ne richiede parecchi, ma ci sono rinunce che non ho intenzione di fare, spero quindi di trovare il mio personale equilibrio fra la mia vita personale e lavorativa.

"La ricetta alla quale sono più affezionata senza dubbio è la pasta alla Norma nella versione piccante di mia Nonna Maria."




Ci regaleresti una ricetta esclusiva per le amiche di “Come una Donna” che hanno poca dimestichezza con i fornelli e poco tempo a disposizione?

Cuocete in abbondante acqua moderatamente salata 400 g spaghetti, nel frattempo in un tegame fate rosolare a fuoco dolce con fondo d' olio evo 4 spicchi d' aglio e 8 filetti di acciughe. In una boulle ponete 4 cucchiai di pecorino romano e 4 di parmigiano reggiano, aggiungete una spolverata di pepe nero macinato al momento e dell' acqua di cottura della pasta, amalgamate bene ottenendo una crema. Scolate la pasta un minuto prima che completi la cottura e ponetela nel tegame con le acciughe, eliminate gli spicchi d' aglio. Versate la crema di formaggi e mantecate la pasta fuori dal fuoco con l' aiuto di una pinza. In ultimo completate con una grattugiata di scorza di limone o mandarino.

Se ti dicessi: mangia, ama e prega tu cosa mi risponderesti? 

Sono tre verbi che hanno sempre accompagnato la mia quotidianità, a volte compensandosi come vasi comunicanti nel raggiungimento del mio equilibrio, a volte invece hanno prevalso uno sull' altro per aiutarmi ad affrontare i momenti più particolari della mia vita. Di certo mi piacerebbe potermi definire una persona equilibrata, ma non lo sono mai stata, sono tanto di tutto, ma sono io.

"Sono consapevole che questo mestiere ne richiede parecchi, ma ci sono rinunce che non ho intenzione di fare, spero quindi di trovare il mio personale equilibrio fra la mia vita personale e lavorativa."




I prodotti a km zero, la Healthy Food, la concezione di una cucina più sostenibile, sono temi oramai fondamentali per la salute del pianeta e del nostro organismo, in che modo ogni giorno possiamo proseguire in questo cammino partendo dalle nostre cucine?

Dobbiamo muovere ogni singolo passo consapevoli della direzione in cui lo stiamo facendo, ogni nostra scelta ha un suo peso e ne dobbiamo avere contezza, ognuno di noi nel suo piccolo può fare tanto per migliorare la propria vita, di conseguenza quella degli altri. La cucina ed il cibo in generale hanno un grandissimo impatto nella vita quotidiana di ognuno di noi, pertanto è un buon punto di partenza per cambiare le nostre abitudini.

La felicità di una donna in cucina dev' essere... ?

La libertà di poter esprimere se stessa.