Solo tre minuti con Lavinia Biancalani: la sua vita da mamma e boss di “Thestylepusher”


Lavinia Biancalani Fondatrice dell'Agenzia Social Media "Thestylepusher", un percorso di vita ed esperienze professionali tra moda, musica, lifestyle e beauty, tanti sogni da realizzare ed il coraggio di essere sempre se stessa.

Innanzitutto chi è Lavinia Biancalani?

Tante cose insieme, ma una definizione per tutte: sono una donna che come tante donne sta cercando di realizzare i propri sogni, tra questi, i più importanti sono: la famiglia e l' affermazione professionale. Alcuni traguardi li ho raggiunti, per la maggior parte sto ancora correndo.


" Faccio un lavoro che mi piace molto ma che nel tempo è diventato una nuova responsabilità, quando è nata Bianca lei ha preso il primo posto nei miei pensieri. "


Come sei riuscita a combinare la vita da donna multitasking spesso sotto i riflettori con quella di mamma?

Nel giro di qualche mese mi sono organizzata, cercando la soluzione migliore per riuscire a essere presente in famiglia senza rinunciare al mio lavoro, e la soluzione è stata quella di tutte le mamme ovvero "chiedere aiuto”, prima ai nonni, poi ad una brava tata e infine all’asilo. Non avendo orari precisi e dovendo gestire situazioni sempre diverse, compresi molti viaggi, ho adattato nel tempo la nostra quotidianità alle varie esigenze.

La Moda è soprattutto studio e formazione, il tuo background culturale lo racconta, cosa ti senti di dire a tutte quelle ragazze che vogliono diventare “fashion blogger/influencer” e vedono in te un modello da seguire?

Il mondo dell’influencer marketing è profondamente cambiato da quando ho iniziato (circa 8 anni fa) e cambierà ancora, anche alla luce di quello che sta accadendo nel mondo nelle ultime settimane, difficile prevedere in che modo. L’unica regola che resta valida è quella di trattare argomenti che ci appartengono veramente, senza improvvisarsi.

Nella vita ti sei mai sentita discriminata perchè donna?

Non mi sono mai sentita discriminata perchè donna, ma mi è capitato di essere vittima di alcuni pregiudizi in quanto madre-lavoratrice. Nel periodo di poco precedente alla nascita di Bianca ho aperto la mia agenzia Social, e la maggior parte delle persone che mi conoscono o seguono, hanno interpretato, questo mio nuovo ruolo dietro le quinte, come una mia assenza dal mondo del lavoro perchè impegnata solo ed esclusivamente a fare la mamma. Ma in realtà, in quella fase della mia vita, ho lavorato il doppio perchè stavo costruendo quello che oggi rappresenta “Thestylepusher” e tutto questo con Bianca di pochi mesi. Ho avuto degli aiuti, altrimenti sarebbe stato impossibile, ma proprio nel momento in cui tutti davano per scontato che mi sarei fermata, ho messo il turbo.

Spesso un corpo bello è visto distaccato da una mente altrettanto bella, le due cose secondo alcuni non possono convivere, che cosa ti senti di dire in merito?

Chi ha l’errata convinzione che una bella donna sia per forza superficiale perchè piena della sua bellezza, non ha trovato in se un equilibrio ed è vittima delle opinioni degli altri. Io sono una donna normale, curo il mio aspetto esteriore ma cerco di dare voce costantemente a quello che ho dentro, di prendere posizioni e di esprimere opinioni, perchè faccio i conti con me stessa ogni giorno e penso che per ogni posizione non presa, per ogni opinione taciuta, c’è qualcuno che continua a diffondere l’errata convinzione che un corpo bello non può contenere una bella mente. Le cose negli ultimi anni stanno cambiando, le donne stanno prendendo coscienza, sempre più del loro valore e della loro innata leadership, non lo dico con spirito femminista, non amo gli estremismi, ma con consapevolezza rispetto a quello che vedo intorno.


Parliamo di Moda e di quanto sia importante reinventare e riciclare i capi di abbigliamento, che magari abbiamo già nell'armadio, e che con il giusto accessorio o una semplice modifica possono ritornare ad essere di tendenza, avere nuova vita, e farci sentire fashion senza dover ricorrere a troppe spese.

Oggi più che mai dovremmo entrare in quest’ottica cercando un equilibrio, la moda negli ultimi 30 anni ha viaggiato velocissima, di pari passo con una mentalità consumistica. Credo che le cose siano già sulla via del cambiamento, basti guardare l’impegno di alcuni brand, anche del fast fashion, in cerca di soluzioni che siano “Green” e sostenibili. Bene quindi riportare in vita un vecchio capo dimenticato nell’armadio, a prescindere dal fatto che ne possa beneficiare il portafoglio, perchè il primo a beneficiarne sarà il nostro pianeta. Comprare meno e comprare meglio.

Tra la Moda, il Beauty, la Musica e il Food cosa sceglieresti e perchè?

Le sceglierei tutte perchè il bello del mio lavoro sta proprio nel riuscire a trovare delle idee creative a partire dalla contaminazione tra le varie cose. Io guardo il mondo e lo apprezzo nelle sue mille sfumature, non sono mai riuscita a vedere tutto bianco o tutto nero.

Hai fatto di una passione il tuo lavoro e non è sempre semplice, molte donne rinunciano ai sogni per adattarsi alla solita vita senza troppo rischiare, tu cosa ne pensi e cosa consigli a tutte quelle donne che hanno un' idea nel cassetto?

Consiglio di provarci, vada come vada perchè solo il fatto di averci provato sarà una conquista. Ho sempre avuto un carattere forte, ma quando ero molto giovane mi è capitato di rinunciare a delle passioni perché avevo paura, perchè non mi sentivo all’altezza. Ecco, quando ci si lancia in una nuova esperienza, per quanto ci si possa essere preparate, per quanto si possa aver studiato, arriva un momento in cui si ha la sensazione di non farcela, ed è proprio quello il momento in cui guardare avanti e fare il salto.

Accogliete la paura, accogliete anche il senso di inadeguatezza, fanno parte del percorso, ma se sentite dentro di voi che quell’ idea può funzionare, fate quel salto, non ascoltate altro che il vostro istinto.